CANTA CANTA CANTASTORIE La Gazza Ladra, La Tarantella di Pulcinella e Alì Babà

Quando:
1 Febbraio [email protected]:00–2 Febbraio [email protected]:00
2017-02-01T10:00:00+01:00
2017-02-02T12:00:00+01:00
Dove:
Teatro dei Piccoli
Via A. Usodimare
80125 Napoli
Italia
Costo:
€ 7,00 feriali scuola
Contatto:
I Teatrini
081 0330619 (feriali 9.30/17.00)

3>10 anni >
mercoledì 1 e giovedì 2 febbraio, ore 10.00

3434343home

Scritto da Emanuele Luzzati nel 1982, Canta canta cantastorie è uno dei titoli di maggior successo del Teatro della Tosse e tra i più replicati della compagnia.

Tre storie e opere celebri – La gazza ladra, La tarantella di Pulcinella e Ali Babà – vengono reinventate con garbo e ironia tra canzoni e filastrocche popolari, con le musiche scritte da Ivano Fossati e Oscar Prudente eseguite dal vivo.

Sono storie che hanno una lunga storia

Chi non conosce le avventure de La Gazza Ladra, La Tarantella di Pulcinella e Alì Babà Dopo essere stati protagonisti di libri e film di animazione di Luzzati e Gianini, qualcuno di loro ottenne anche una nomination all’Oscar – si ritrovano insieme, nel 1976, per essere inseriti in un audiolibro Mondadori.

Dall’audiolibro prende le mosse Canta Canta Cantastorie nella versione con attori e in quella de I Burattini di Luzzati & Cereseto.

Le tre storie non sono altro che filastrocche popolari reinventate con garbo e ironia da Emanuele Luzzati, sui ritmi di una ballata in chiave moderna. I protagonisti sono tra i suoi personaggi preferiti e per questo ritornano in molte sue realizzazioni.

 

Tecnica utilizzata: 

Teatro d’attore

produzione: Teatro della Tosse (Genova)

storie in rima di Emanuele Luzzati

regia di Enrico Campanati

con Pietro Fabbri, Susanna Gozzetti, Alessandro Damerini, Alessio Aronne

scene e costumi di Bruno Cereseto

musiche di Ivano Fossati e Oscar Prudente

aiuto scenografa Paola Ratto

costruzioni Carlo Garrone

aiuto sarta Anna Romano

modulo_prenotazione_i teatrini

scarica la brochure_La Scena Sensibile 2016 17

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *